Mercante di sogni


MERCANTE
 
Dopo questa notte, sola e muta,
passata all’ombra del rancore
osservo le dita grigie dell’alba
che cercano invano
di afferrare le stelle morenti…
e seguendo il suono sordo
di questo cieco amore,
invento una voce nuova
per credermi diversa
e più tardi…certo…
raccattando brandelli
di un coraggio che non ho
venderò i tuoi occhi
a un mercante di sogni…
…per asciugare i miei.

Nota: ho scritto questa poesia molti anni fa, credo sia la dimostrazione che “solari” non si nasce… ma si può diventare.

Vuoi ricevere un avviso ogni volta che viene pubblicato un articolo? Iscriviti qui e unisciti agli altri 25 iscritti!

Comincia la discussione

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.